Parma c’è!

Ricevo e volentieri pubblico.

Gentile Nino Luca,

sono uno studente dell'Università degli Studi di Parma.

Dal momento che non vedo Parma tra le città che lei cita nell'articolo comparso su Corriere.it circa lo stato di agitazione dei ricercatori, mi permetto di scriverle per segnalarle che anche presso l'ateneo di Parma i ricercatori hanno preso, verso il ddl in discussione, una netta posizione in molti dei Consigli di Facoltà che si sono tenuti nei giorni passati, presentando una lettera di denuncia con un'analisi lucida dei provvedimenti normativi del MIUR accendendo un dibattito che ha reso necessario aggiornare le sedute di molti consigli a nuova data, rimandando decisioni necessarie all'attivazione del prossimo anno accademico.

La preoccupazione per il contenuto del DDL è molto forte, ed è stato chiesto ai presidi e Rettore di farsene portavoci nelle sedi opportune per chiedere una modifica del ddl.

Non sono ancora state intraprese forme forti di protesta ma la situazione è in evoluzione.

Flavio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>